Stannah-montascale-detrazioni

Nei paesi industrializzati l’obesità sta diventando sempre più un problema di salute, non solo per adolescenti e adulti, ma anche per le fasce di età più avanzate. Nell’anziano inoltre l’eccesso di peso non fa altro che aggravare il declino funzionale e fisiologico tipico dell’età: i movimenti sono più limitati per il carico che muscoli ed ossa devono sopportare e le prestazioni fisiche possono essere ridotte. Bisogna quindi perdere peso, ma non velocemente e in modo squilibrato, per non ridurre la massa muscolare, con perdita del tono muscolare, tanto da fare fatica a svolgere le normali attività quotidiane.


Esiste la possibilità di perdere peso pur rimanendo in forma: associare la dieta all’esercizio fisico. Per dimagrire in modo equilibrato basta scegliere gli alimenti tipici della cosiddetta dieta mediterranea, in quantità moderate, come olio di oliva, frutta fresca, legumi, cereali, ortaggi, pesce e vino rosso. Queste scelte alimentari, inoltre, sembra siano associate a una maggiore aspettativa di vita, grazie alla presenza di antiossidanti e alla ridotta presenza di grassi. Perché un regime dietetico sia efficace non è necessario sentirsi “perennemente” a dieta: bisogna imparare a mangiare e scegliere, quando possibile, alimenti diversi ogni giorno, facendo una buona prima colazione, seguita da un pranzo e una cena e, quando se ne sente la necessità, uno spuntino a metà mattina ed uno a metà pomeriggio.



Alcuni consigli pratici per una corretta alimentazione:
o mangiare qualcosa di caldo ad ogni pasto;
o fare quattro o cinque piccoli pasti, invece di tre pesanti;
o fare un pasto serale leggero, per avere un sonno meno disturbato.



l’esercizio fisico tra le persone anziane rappresenta una sana abitudine: muoversi fa bene non solo per dimagrire, ma anche per far funzionare meglio l’organismo. Infatti durante l’attività motoria migliorano le prestazioni di cuore e polmoni, si riduce il rischio di osteoporosi e sembra che ci sia un beneficio anche per il cervello. Non bisogna dimenticare anche l’aspetto psicologico: con l’attività fisica, soprattutto se svolta in un gruppo, aumenta l’autostima, l’autonomia e quindi anche il buonumore. Per avere i risultati sperati comunque non è necessario modificare radicalmente le proprie abitudini di vita: basta camminare per pochi chilometri poche volte a settimana o meglio fare qualche esercizio fisico di moderata intensità 30 minuti al giorno.


Angela Maria Messina
Tecnologo alimentare – nutrizionista